Pubblicità nell’Era Digitale: payment tools

herramientas de pago

L’Era Digitale è arrivata per cambiare le nostre vite. Il mondo del lavoro non fa eccezione. Per questo oggi ogni attività deve confrontarsi con nuove sfide, a tutti i livelli, ma specialmente quando arriva il momento di promuovere i suoi prodotti o servizi perché tutto ciò che ruota intorno a questo cambia costantemente.

Promuovere con esito un’impresa nell’Era Digitale non è un compito facile e necessità di una squadra, risorse e strumenti adeguati.

Ogni impresa è differente, ha obiettivi, un pubblico e necessità diverse, per questo una strategia di promozione di un brand deve essere adatta al 100%. Quello che possiamo fare è un ripasso dei principali strumenti ai quali possiamo ricorrere quando arriva il momento di promuovere un’attività…

Da un lato abbiamo i cosiddetti payment tools…

Affermare che se la tua attività non è presente su Facebook allora non esiste è ormai banale. Banale ma vero. Perché è importante la tua presenza su Facebook? Semplicemente perché si tratta del social network con maggiore proiezione, con il maggior numero di utenti e per questo, nella maggior parte dei casi, sarà lì che troveremo il nostro target di pubblico.

Un esempio di payment tools sono la pubblicità o gli annunci a pagamento su Facebook. Tutti abbiamo sentito parlare della pubblicità su Facebook, però quello che non ci hanno detto è in che modo e cosa tenere in conto quando arriva il momento di farsi pubblicità attraverso i social network…

Prima di lanciare una campagna di pubblicità sui social, dobbiamo farci tre domande principali:

  • Qual’è l’obiettivo della campagna?
  • Qual’è il nostro target?
  • Quali sono gli indicatori chiave?

Nel caso di Facebook sono tanti e molto completi i dati e le statistiche che possiamo ottenere dalle nostre campagne. Tuttavia ce ne sono alcuni che sono fondamentali:

 

  • La portata della campagna. Questo dato indica la quantità di persone che hanno visto i tuoi annunci.
  • Questo indicatore specifica il numero di persone che hanno cliccato sull’annuncio meno il numero di persone che lo hanno visto.
  • Tasso di conversione. Questo dato mostra le risposte che abbiamo ottenuto con la nostra campagna. Per esempio se la nostra campagna ha una call to action affinché gli utenti si iscrivano alla nostra newsletter, questo dato ci indicherà quanti si sono iscritti.
  • Ultimo ma non meno importante, il costo di ogni clic sull’annuncio e i risultati in funzione del budjet previsto.

 

Tenere presenti tutti questi indicatori ci permetterà di misurare l’efficacia della nostra campagna pubblicitaria e sapere se la strategia che abbiamo messo in atto ha dato i frutti sperati o necessita di alcuni ripensamenti e cambi. Possiamo sapere esattamente cosa non ha funzionato, quali aspetti migliorare, etc.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.