Consigli per ridurre la frequenza di rimbalzo di una pagina web

porcentaje de rebote

Quando parliamo di frequenza di rimbalzo intendiamo la quantità di utenti che hanno abbandonato un sito web dopo aver visto solo una pagina. Quando il tasso di rimbalzo ha una percentuale molto alta ne possiamo dedurre che gli utenti non hanno trovato quello che cercavano o che il sito non offre le caratteristiche ottimali per loro.

Non tutti i siti web sono uguali né offrono lo stesso tipo di prodotti o servizi, per questo le aspettative riguardo la frequenza di rimbalzo della nostra pagina web devono essere realiste in base a quello che abbiamo da offrire.

Di seguito una guida dei valori medi del tasso di frequenza di rimbalzo in funzione del tipo di pagina:

  • Pagina web di servizi: del 10% al 30% 
  • Ecommerce: del 20% al 40%
  • Blog: del 70% al 95%
  • Pagine di atterraggio: del 70% al 90%
  • Siti di contenuti: del 40% al 60%
  • Servizi di lead generation: del 30% al 50%

Come ridurre la frequenza di rimbalzo di una pagina web

¿Te gusta el articulo? No te pierdas ninguno! / Ti è piaciuto l’articolo? non perderne nessuno!

Web design e usabilità
Poter contare su un design di impatto e che si adatti ad ogni tipo di dispositivo è un requisito fondamentale per ridurre la frequenza di rimbalzo.

Bisogna tenere presente che utilizziamo dispositivi sempre differenti per accedere ai contenuti, consultare, fare acquisti…Se il tuo sito web non è adatto, per esempio, ai dispositivi mobili, tutti gli utenti che usano questo strumento andranno perduti.

Anche l’usabilità è importante, utilizza un font e dei titoli che siano grandi, presta attenzione agli spazi bianchi, etc.

Velocità di caricamento
Ottimizzare al massimo la velocità di caricamento del sito aiuterà senza dubbio a ridurre la frequenza di rimbalzo.

Contenuti
I contenuti devono essere originali, differenti, con il tuo tocco personale (o quello del tuo brand), con un linguaggio e uno stile adatto al tuo pubblico e anche con un’estetica molto curata: titoli e sottotitoli chiari, immagini curate e di qualità, call to action, etc.

Se sarai capace di adattare i tuoi contenuti e personalizzarli per il tuo target di pubblico la frequenza di rimbalzo diminuirà.

Attira gli utenti giusti
Questo è un altro punto fondamentale. Non serve a nulla attirare molti utenti verso il nostro sito se non sono quelli giusti.

Per questo bisogna ricorrere alle parole chiave adeguate, non dimenticare i meta tag utili agli utenti che effettuano le ricerche, fare campagne pubblicitarie mirate, etc.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.