Perché è importante calcolare la redditività del tuo lavoro

Calcular rentabilidad trabajo

Calcolare la redditività dei lavori che facciamo, specialmente quando siamo imprenditori, è fondamentale. Tuttavia questo è un aspetto sul quale a volte sorvoliamo oppure che mettiamo in secondo piano.

Non sto inventando nulla di nuovo, di fatto questo ha molto a che vedere con l’economia di base dell’impresa. Però è importante metterlo in pratica.
Per alcuni motivi molto importanti:

Da una lato dobbiamo essere consapevoli al momento di avviare un’attività che dobbiamo adottare un atteggiamento da imprenditori e da economisti. Dall’altro lato calcolare la redditività dei nostri lavori ci aiuta a prendere coscienza di quello che stiamo facendo, aiutandoci a prendere anche le decisioni più giuste.

Penso che siamo tutti d’accordo sul fatto che, quando decidiamo di avviare un’attività, l’obiettivo è quello di vivere del nostro progetto.
Per questo motivo sin dall’inizio del nostro progetto dobbiamo analizzare e misurare i risultati, prendere in esame ogni aspetto e, ovviamente, calcolare la redditività di quello che stiamo facendo.

Il primo passo dunque deve essere quello di non affezionarci ai nostri progetti. Naturalmente è probabile che si tratti del nostro sogno, delle nostre illusioni che cercano di materializzarsi, però dobbiamo essere coscienti sin dall’inizio che se le cose non vanno bene la priorità deve essere quella di non rovinarci. Fare un passo indietro per tornare ad avere un’altra opportunità che ci permetta di avanzare nuovamente in direzione del nostro sogno.
Viceversa se otteniamo dei risultati che ci fanno crescere allora dobbiamo trovare quel fattore che ha dato il via alla crescita e fare di tutto per potenziarlo e renderlo costante in maniera esponenziale. Ed è proprio qui che entra in gioco l’importanza di misurare la redditività dei nostri lavori.

Perché misurare la redditività dei tuoi lavori e/o servizi

Perché è il modo più affidabile per conoscere i prodotti o servizi che ti offrono la maggiore redditività e anche per rintracciare quelli che ti offrono una redditività bassa o nulla. Si tratta quindi del modo migliore per scartare o modificare quello che non è redditizio e potenziare e migliorare ciò che invece lo è.

Ti invito a porti la seguente domanda:

Qual è il guadagno netto che vuoi ottenere con la tua attività?

Non all’inizio della tua attività. Lo sappiamo che qualsiasi attività ha bisogno di un certo tempo così come di fare un certo percorso prima di poter arrivare ai guadagni sperati. Mi riferisco al tuo obiettivo.
Devi averlo molto chiaro sin dal principio e darli un valore.

Lasciati aiutare

È praticamente impossibile controllare in maniera professionale ogni singolo aspetto di un’attività ed è per questo che, in quei punti in cui non ti senti sicuro, sei cosciente di non avere il controllo o sai che non è competenza diretta della tua attività, allora lasciati aiutare!

Fatti consigliare dai professionisti adeguati in ognuno di questi aspetti. Per esperienza ti raccomando di farlo. Se non conosci la materia lascia che un commercialista si occupi delle questioni fiscali e contabili, se non sei un grafico affida il disegno del logo della tua attività a chi invece lo è…
In questo modo non solo guadagnerai tempo ma ti assicurerai di costruire un progetto su basi solide.

Ci sono costi che in realtà sono dei veri e propri investimenti.

Forza e coraggio allora!

Non passare inosservato!

no pases desapercibido

Come persone credo che una delle cose peggiori che può capitarci sia quella di passare totalmente inosservati. E credo anche che l’eccesso opposto sarebbe comunque terribile…quello a cui mi riferisco è la necessità di trovare un equilibrio.

Quando parlo di trovare un equilibrio intendo dire un equilibrio fra ciò che siamo, ciò che pensiamo e il progetto che stiamo portando avanti. Mi riferisco alla coerenza, alla necessità di esprimerci nel modo migliore possibile in maniera tale da lasciare una traccia in ogni persona che incontriamo nella nostra vita a livello professionale.

Spesso tendiamo a muoverci proprio all’interno di quello spazio che ci fa passare inosservati. Forse perché è più facile o più comodo. Forse è una questione di timidezza…Allo stesso modo ci sono quelle persone che fanno esattamente l’opposto e cercano di richiamare continuamente l’attenzione, al punto da sembrare una grossa insegna pubblicitaria che cammina.
Però per il momento questa seconda categoria di persone la lasceremo da parte.

Quando all’inizio di questo post ho detto che passare inosservati è una delle cose peggiori che ci possono accadere intendevo in qualsiasi ambito della nostra vita. Questo perché se passiamo inosservati vuol dire che non stiamo portando nulla alle persone che ci sono intorno.
Parliamo e interagiamo continuamente con altre persone.
Quel che è certo è che qualsiasi situazione nella quale c’è interazione con gli altri è un’opportunità per comunicare in maniera efficace, utile e per fare sì che in un modo o nell’altro quella persona si ricordi di noi.

Dico sempre che le opportunità non cadono dal cielo ma per vederle dobbiamo andarle a cercare, stare in allerta e anche pronti a coglierle…In ambito professionale non sappiamo esattamente dove si trovano le opportunità, per questo dobbiamo stare molto attenti.
Quello che sappiamo è dove si trova l’opportunità di rendere felice un’altra persona, una persona che ci sta vicino oppure quella persona con la quale stiamo interagendo.
Questo tipo di opportunità si trova proprio dietro l’angolo e dovremmo sempre approfittarne.

Con questo non intendo dire che bisogna forzare la situazione, al contrario, è una questione molto naturale. Si tratta di comunicare in maniera aperta, devi essere disposto a offrire quello che sei e quello in cui credi, sempre in modo costruttivo, pensando al tuo interlocutore. In definitiva agire senza nasconderti e in modo naturale.

Non passare inosservato, lascia una traccia!

Quando fai un passo ti invito a farlo con forza e a lasciare una traccia, una traccia che gli altri possano seguire.

È difficile definire una linea guida. Siamo tutti diversi e lo sono anche le nostre circostanze. Però questi sono alcuni suggerimenti, secondo la mia esperienza, da tenere in conto per evitare di passare inosservato, per comunicare in modo utile e per far sì che si ricordino di te.

  1. È importante che tu sappia dove vai e qual è la tua meta.
  2. Goditi il cammino, non lasciarti prendere dalla fretta e non essere precipitoso.
  3. Insisto, goditi il cammino. Ognuna delle esperienze che hai la possibilità di vivere giorno per giorno, è unica. Non smetterò mai di sbalordirmi davanti a queste esperienze…e, sorprendentemente, le più semplici sono anche le migliori.
  4. Lascia la tua traccia. Per farlo non serve solo camminare con un ritmo chiaro e deciso ma è imprescindibile anche aprire il cuore e l’anima. Solo così anche gli altri apriranno automaticamente il loro cuore e la loro anima.
  5. Divertiti! Il viaggio non sarà privo di pericoli ma è anche pieno di cose belle.

Godi dell’esperienza di ogni giorno e delle persone che incroci lungo il cammino.
Sii felice e, se ne hai la possibilità, rendile felici.

Se vuoi diventare imprenditore: pianifica e poniti obiettivi ambiziosi

planifica

Lanciarsi in un’avventura imprenditoriale non è complicato, almeno all’inizio.
Di fatto iniziare il cammino è la parte più facile e inoltre ci dà anche una scossa di adrenalina. Il difficile arriva man mano che continuiamo…

La perseveranza è gran parte di ciò che differenzia gli imprenditori di successo da quelli che abbandonano lungo il cammino. 

Se hai deciso di avviare un’attività imprenditoriale ti faccio i miei complimenti e mi prendo la libertà di darti un consiglio: non avere fretta.
Più avanti, lungo il percorso, ci saranno poi i momenti in cui accelerare.

Forse le tue circostanze non sono del tutto favorevoli…però se sei determinato e credi nel tuo progetto non desistere e non cedere davanti alle prime pressioni, almeno non per quanto riguarda la pianificazione del progetto.

Cosa, come e quando

Focalizzati su quello che vuoi fare. E una volta che lo avrai ben chiaro, definisci molto bene quello che andrai a fare; sicuramente questo percorso ti porterà a fare i conti con possibilità che neanche avevi immaginato, ma è comunque necessario definire bene quello che andrai a fare per non rischiare di perderti. E finalmente, quando avrai chiaro quello che farai, è molto importante che tu definisca come e quando lo andrai a fare.
Metti sul tavolo tutte le tue risorse e gli strumenti e in base a questo disegna il tuo progetto. Quasi certamente incontrerai difficoltà o mancanze; o per lo meno aspetti che richiedono di essere migliorati; Non ignorarli! Al contrario, tienili ben presenti perché sicuramente ti creeranno delle difficoltà a un certo punto del percorso.

Avere sempre ben chiare le tue mancanze e lavorare duro per migliorarle è ciò che farà di te un buon imprenditore.

Il cammino non sarà sempre facile, così ti anticipo che dovrai poter contare su molta costanza e rigore, sono queste infatti le chiavi per costruire il tuo progetto su una base solida.

Poniti obiettivi che siano ambiziosi

Non esistono piccoli sogni. Poniti obiettivi che siano ambiziosi e poi provvedi a fissarti obiettivi a breve, medio e lungo termine.

Ti suggerisco di chiederti ogni giorno: dove sono oggi? dove voglio essere fra 6 mesi? e dove voglio arrivare in 2 anni?
Cerca di non andare mai a dormire la sera senza aver fatto almeno un passo che ti avvicini a questi luoghi dove vuoi arrivare.

E’ necessario essere realisti ma questo non deve impedirti di lasciar volare la tua immaginazione, né di tagliare le ali alla tua ambizione…
E, soprattutto, non lasciare che le tue idee si perdano. Per evitarlo la cosa migliore è un foglio di carta dove potrai appuntarle una dietro l’altra.

Con tutte queste idee che avrai scritto su un foglio di carta o su un blocchetto di appunti, dovrai fare in modo che possano uscir fuori, dovrai trasformarle nei TUOI OBIETTIVI.
E come dicevo prima, non aver paura di fissarti obiettivi ambiziosi, non lasciarti sopraffare da quanto sia complicato conseguirli e, soprattutto, tieni presente che essere ambiziosi, a differenza di quello che ci hanno fatto credere, non è nulla di male (e di questo mi piacerebbe parlarne più approfonditamente in un altro post).
Ordina le tue idee in funzione delle tue priorità e fai in modo che diventino realtà. Senza paura, con determinazione e fiducia in una buona pianificazione.

Come automotivarsi quando le cose non vanno bene

como-automotivarte

Non è facile mantenere alta la motivazione. Tuttavia è sorprendente a volte la facilità con cui ci scoraggiamo…

Se c’è qualcosa che ho imparato quando ho deciso di mettermi in proprio è che la motivazione è un fattore chiave per continuare a lottare e realizzare i nostri sogni. Dobbiamo imparare ad automotivarci.
Per raggiungere qualunque obiettivo, dal più ambizioso al più piccolo, avrai bisogno di motivazione: se vuoi creare un’impresa, se vuoi fare sport…qualsiasi cosa tu voglia fare avrai bisogno di motivazione per ottenerla.

Sono consapevole di quanto sia importante la motivazione per realizzare i nostri obiettivi. Per questo voglio darvi alcuni consigli che mi hanno aiutato nei momenti difficili, quando le cose non andavano come avevo previsto, quando i risultati non arrivavano:

Visualizza i tuoi obiettivi

A volte non otteniamo ciò che vogliamo perché non sappiamo esattamente cosa desideriamo.

Prova a fermarti per un momento, siediti davanti a un foglio bianco con una penna in mano e scrivi esattamente quello che vuoi.
Fai una lista di tutto ciò che desideri ottenere. Una volta che lo avrai chiaro e scritto nero su bianco, guarda il foglio.
E’ possibile che a volte dovrai tornare a guardarlo per reindirizzarti e focalizzarti…

Dividi il tuo grande obiettivo in piccoli obiettivi

Ora che sai ciò che vuoi, hai bisogno di un piano, una strategia, perché senza di questa i tuoi obiettivi resteranno solo dei desideri. Inoltre ti assicuro che il semplice fatto di tracciare un piano e conoscere i passi che devi fare per ottenere ciò che vuoi ti servirà a motivarti. Quindi cosa aspetti? inizia a elaborare la tua strategia…Naturalmente sempre con i piedi per terra e stabilendo passi e scadenze che siano realisti.

Pensa positivo

Ogni volta che ti trovi davanti a una nuova sfida, pensa positivo. Pensare negativo attirerà solo cose negative, utilizza questa energia per attirare cose positive.

Non è sempre facile mettere in pratica questo atteggiamento, ma non è impossibile. Quando rintracci dentro di te pensieri negativi, fermati e comincia a vedere le cose da una prospettiva più positiva.

Premiati

Quando il nostro obiettivo ha bisogno di tempo e sappiamo che lo otterremo solo a lungo termine, è facile sentirsi invasi da un senso di stagnazione che mina la nostra motivazione.

Ricordi quando ho detto di dividere gli obiettivi grandi in obiettivi più piccoli? Bene, ogni volta che raggiungerai uno di questi piccoli obiettivi non dimenticare di premiarti. E’ un piccolo risultato che ti avvicina alla tua meta: devi celebrarlo e premiarti per essere riuscito a conseguirlo.

Ti assicuro che se lo farai, con ogni piccolo obiettivo realizzato vedrai la tua motivazione uscirne rafforzata.

Oltre a questi tre consigli che con me hanno funzionato per alzare la motivazione nei momenti stagnanti, è importante che tu scopra quello che ti demotiva.
Tutto gira molto veloce e a volte è necessario mettere il freno e analizzare cos’è che ci ruba energia e consuma la nostra motivazione, a volte non vogliamo neanche vedere la realtà per ciò che è.
Ti invito a farti questa domanda: Cosa mi demoralizza? Sii sincero con te stesso: forse è il tuo lavoro oppure qualcuno che ti è vicino…qualsiasi cosa sia trovala e poi eliminala dalla tua vita. O meglio, sostituiscila con qualcosa che ti motivi e ti dia slancio.

Come avere un blog eccellente

blog-existoso

Quando parliamo di blog, che siano personali o aziendali, la concorrenza è davvero travolgente. Professionisti e imprese hanno iniziato a capire l’importanza dei contenuti e hanno tracciato ognuno la propria strategia
(alcune migliori di altre) rispetto alla quale, il blog, è uno degli strumenti migliori che si possano utilizzare.

Essendo consapevole che la concorrenza e molto grande e molto forte, se vuoi sfruttare al meglio il tuo blog e utilizzarlo per fare la differenza, devi necessariamente elaborare un buon piano. Per esperienza so che solo eccellono coloro che possono contare su una buona strategia e non fanno le cose tanto per, ma sono disposti a farle bene.

La grande domanda che tutti ci facciamo è “perché alcuni blog risaltano e fanno la differenza mentre altri no?
Quel che è certo è che ci sono diversi motivi e fattori che influiscono, ma se analizziamo blog di successo vedremo chiaramente che hanno alcuni elementi in comune che contribuiscono a questo successo:

Un’immagine vale di più di mille parole

La maggior parte dei blog di successo hanno una buona grafica e un’immagine molto curata. Mi spingo ancora oltre e dico che la loro immagine è adattata e personalizzata.

Non si tratta solo di avere un’immagine attrattiva, ma anche che permetta agli altri di identificarsi attraverso di lei. Mi riferisco a coloro che hanno fatto in modo che il proprio blog formi parte della loro identità corporativa, ottenendo che, anche se eliminassero il loro nome o il logo dal sito, gli utenti riconoscerebbero comunque di quale brand si tratti.

Contenuti di qualità

L’ho già detto in tantissimi articoli, i contenuti che offriamo alle persone che ci seguono, agli utenti, ai nostri clienti o potenziali clienti, devono essere originali e di qualità. Devono essere utili, risolvere i loro dubbi o inquietudini, apportare valore.

Se parli sempre delle stesse cose credendo che il semplice fatto di pubblicare articoli in modo regolare ti permetta di avere un blog di successo, ti stai sbagliando. Se vuoi fare la differenza, emergere fra i tanti blog che esistono, dovrai apportare valore offrendo cose diverse: il tuo punto di vista, la tua esperienza, etc.

Inoltre, quando arriva il momento di creare contenuti non limitarti, apri la tua mente e utilizza tutti gli strumenti a tua disposizione; non scrivere solo articoli, crea contenuti attraverso video, immagini, infografiche, podcast, etc.

Quello che c’è dietro al tuo blog

Parliamo di grafica e contenuti, potremmo menzionare l’importanza della diffusione dei tuoi post sui social networks, etc. Ma quello di cui non si parla molto è di ciò che c’è dietro al tuo blog, di tutti gli strumenti e le funzioni che ci aiutano a trasformarlo in uno spazio pratico per gli utenti, funzionale e interessante per chi ci legge e anche per chi si ritrova a fare una ricerca, etc.

I blog che funzionano bene, che fanno la differenza in mezzo a tanti, hanno una serie di componenti o pluggings che ci permettono di introdurre nuove funzionalità (a volte visibili e utili per gli utenti, altre utili solo per noi; e che ci portano informazioni preziose per gestire il blog).
A volte questi strumenti sono gratis, ma altre volte no. E’ necessario imparare a valutare quali sono quelle importanti, necessarie e che ci aiutano a portare il nostro blog su un altro livello.

Come pensi di vendere se non sei disposto a investire nel tuo brand?

Support for items purchased before September 1st, 2015

Se hai deciso di leggere questo post è perché hai uno spirito imprenditoriale, oppure ti appresti a creare il tuo brand o ad aprire un’attività.

Benvenuto nell’affascinante mondo degli imprenditori!

Il successo ottenuto dai blog ha invogliato molte persone ad avviare la propria attività e aprire un blog personale, alcuni molto conosciuti e altri meno.

A volte però mi sorprendo della leggerezza con cui lo fanno.

 

Voglio cominciare col dirti che se hai un sogno, e vuoi vivere grazie a questo sogno, allora fallo!

Però fallo sapendo che, per quanto valga la pena, le cose non sono sempre così belle né tantomeno facili come possono sembrare.

E, soprattutto, tieni presente che  è molto difficile convincere i tuoi potenziali clienti affinché confidino in te e comprino i tuoi prodotti o servizi, se tu per primo non hai abbastanza fiducia da investire nella tua immagine o nello sviluppo del tuo brand o attività.

E’ praticamente impossibile creare e far funzionare un’attività a costo zero.

Questo è importante che tu lo sappia prima di cominciare.

Ci saranno cose che potrai fare tu stesso o altri, strategie che puoi implementare senza costi, però questi sono solo alcuni dei passi che dovrai fare. Per crescere e convertire il tuo brand o la tua attività in un modello del settore, sarà necessario un investimento. Questa è la verità.

E chiunque dica il contrario temo che non abbia mai avviato un’attività in vita sua. E’ molto importante essere ottimisti, ma è ugualmente importante rimanere con i piedi per terra.

Detto questo, ti espongo i 7 passi base per avviare la tua attività e avere una certa presenza nella rete:

  1. Studio di fattibilità della tua idea
  2. Un business plan che confermi la fattibilità
  3. Specializzazione e perfezionamento del prodotto o servizio
  4. Costruzione del tuo brand
  5. Costruzione della piattaforma di esposizione e vendita (WEB)
  6. Elaborazione di una strategia di marketing
  7. Aspetti legali associati alla tua attività

Ti raccomando caldamente di sviluppare ogni punto, informarti, richiedere il giusto budjet per ognuno dei passi che dovrai fare…

E poi fai un bilancio della tua situazione. E’ importante che tu sia cosciente di dove puoi arrivare in questo momento. La tua attività richiede, oltre all’investimento di cui ti parlavo, anche tanto sforzo, tempo, lavoro e un grande compromesso.

Prenditi il tempo necessario di cui hai bisogno per essere pronto. E quando deciderai di avviare la tua attività fallo puntando il 100%  e con la massima fiducia in te stesso e in quello che offri.

Se non investi ad esempio in una pagina web che sia adatta alle caratteristiche e necessità della tua attività, che trasmetta esattamente l’immagine che desideri trasmettere, è complicato ottenere la fiducia di cui hai bisogno e convertirla in potenziali clienti.

Lo stesso vale per la tua strategia di marketing. Se non investi in una buona strategia sarà molto difficile arrivare al tuo pubblico, far conoscere i tuoi prodotti o servizi o far si che la gente ti conosca.

Come puoi capire non è impossibile, solo complesso. Per questo è importante che inizi quest’avventura prendendola seriamente sin dal primo momento in cui “tenti la fortuna”.

Ma non dimenticare che la fortuna non è cieca e non sceglie a caso chi baciare, la fortuna è di coloro che sanno crearsela grazie al duro lavoro. Dacci sotto allora!

Avere semplicemente una pagina web non serve a nulla

página webIl semplice fatto di avere una pagina web non è garanzia di nulla, né ricevere alcune decine o mille visite in un giorno, se questo non significa anche l’arrivo dei clienti…

 Dico sempre che aprire una pagina web è come aprire un negozio nel deserto.

Non importa quanto hai decorato bene la tua vetrina, nessuno, o quasi, passerà da lì.

Ma se siamo capaci di organizzare escursioni che conducano le persone che ci interessano fino al luogo dove si trova il negozio e facciamo azioni in modo tale che, poco a poco, altri si accorgano che c’è un negozio che vende cose meravigliose nel deserto e desiderino andarci…allora può funzionare.

E’ un esempio esagerato, i tuoi clienti non dovranno attraversare il deserto per incontrarti, ma spero sia servito per trasmetterti il concetto. Quello che voglio dire è che da sola una pagina web è uno strumento che non concede molto. Necessita di altri strumenti e azioni affinché il nostro pubblico possa arrivare fino a essa e scoprire così che abbiamo soluzioni perfette per le loro necessità.

Tieni presente che più o meno ogni due minuti nasce una nuova pagina web su internet.

E’ per questo che è fondamentale contare su un piano che permetta alla nostra attività di farsi conoscere, fare in modo che arrivino dei visitatori che vedano i nostri prodotti o servizi e che si possano convertire in potenziali clienti.

Ci hanno ripetuto continuamente che se non sei su internet non esisti. In parte è vero. Però non tutti dicono che è inutile esserci in qualsiasi modo, bisogna anche sapere come.

Conosco molte persone che dopo un anno che hanno aperto la loro pagina web si fanno prendere dalla delusione e abbandonano il loro sogno o progetto, pensando che avere una pagina web non è necessario per la loro attività. Oppure abbandonano perché non hanno ottenuto i risultati che speravano. Il problema non è la pagina web, il problema è che non è stata delineata e implementata una strategia per farla conoscere.

Come possiamo promuovere la nostra pagina web?

Esistono molti modi per promuovere la nostra pagina web. Quel che è certo è che ogni progetto è un mondo con obiettivi specifici e concreti, per questo bisogna valutare attentamente ogni caso per decidere quali sono le azioni più adeguate da mettere in pratica.

Tuttavia qui ti elenco alcuni modi per promuovere la tua pagina web che ti permetteranno di far arrivare i tuoi primi visitatori:

  1. Approfitta di tutto il materiale che hai sulla tua attività per individuare il nome giusto per il tuo indirizzo su internet.
  2. Informa tutti i tuoi conoscenti, familiari, contatti, del tuo progetto e invitali a visitare la tua pagina.
  3. Inserisci in tutte le tue email una firma che includa il logo della tua attività o brand e il tuo indirizzo internet.
  4. Se hai un blog genera contenuti in maniera costante, questo ti aiuterà non soltanto ad attirare traffico sulla tua pagina ma anche a costruire e rafforzare la tua immagine e la tua reputazione online.
  5. I social network giocano un ruolo molto importante in tutto questo. Utilizzali per offrire contenuti interessanti al pubblico che linka sulla tua pagina web.
  6. Ti raccomando di creare poco a poco la tua base dati relativa agli utenti interessati ai tuoi prodotti o servizi, per poter poi in un secondo momento inviare promozioni, novità, sconti (sempre senza fare spam).
  7. Il Guest Blogging è un’altra tecnica che ti aiuterà ad aumentare le visite sulla tua pagina web.

Questi sono solo alcuni piccoli suggerimenti che possono aiutare a promuovere la tua pagina web, ma è importante avere un piano ben strutturato che ti permetta di avanzare verso i tuoi obiettivi in maniera chiara e misurabile.

Il cammino non è facile ma merita lo sforzo.