Come migliorare la tua presenza sui social networks

mejorar tus redes sociales

Parlare di marketing digitale o di marketing online significa parlare di social networks. Tutti conosciamo l’immenso potere che questi strumenti di comunicazione hanno per raggiugere il pubblico desiderato e anche i nostri potenziali clienti. Per questo avere una strategia solida e ben strutturata nel campo dei social media non è un’opzione o un’alternativa, ma una necessità. Se non lo facciamo stiamo perdendo un’opportunità.

Se sei presente sulle reti sociali dove si trova il tuo pubblico ma non riesci a raggiungerlo o a richiamare la sua attenzione, continua a leggere, voglio parlarti in questo post di tre punti fondamentali che mostrano come riuscire a entrare in connessione con gli utenti, con il nostro pubblico e con i nostri clienti esattamente come ci piacerebbe che fosse.

 

Assenza di risultati

Soprattutto all’inizio tendiamo ad avere molte aspettative, vogliamo tutto…e questo ci fa perdere di vista l’obiettivo e, perdendo di vista l’obiettivo, non otteniamo risultati. É molto difficile ottenere tutto contemporaneamente tramite le reti sociali. Per raggiungere i tuoi obiettivi bisogna procedere per tappe…

Per iniziare ( o continuare con un percorso chiaro), focalizzati su una o due azioni, identifica con molta chiarezza qual’è la tua priorità. E una volta che ce l’hai chiara, pianifica la tua strategia per raggiungere questo scopo specifico. Una volta raggiunto, puoi pianificarne un altro e andare un po’ più lontano.

 

Parli di te, comunichi, ma nessuno ti ascolta

É una situazione molto comune, capita solitamente quando non si stanno utilizzando le reti sociali in maniera adeguata. Mi riferisco al fatto che se per esempio hai un ecommerce di abbigliamento per adolescenti, difficilmente otterrai risultati su Twitter.

Non è necessario essere presente su tutti i social networks. Ma soltanto in quelli dove è presente anche il tuo target, il tuo pubblico di riferimento. Scegli coscienziosamente quelli che meglio si adattano al profilo dei tuoi clienti e concentra tutti i tuoi sforzi su questi.

Inoltre, approfitto per dirti che avere una pagina o un profilo con migliaia di persone che ti seguono non è garanzia di successo. Si può avere un numero anche modesto di seguitori ma essere molto efficaci, perché si tratta di utenti che realmente si identificano con noi o con quello che vendiamo.

Potremmo avere una pagina con migliaia di seguitori che però non ci ascoltano, non ci rispondono, ai quali il nostro prodotto non interessa e che quindi non lo comprano.

Ti starai chiedendo: come faccio a sapere quali sono le reti sociali che si adattano meglio a me o al mio brand?

Uno strumento molto utile e affidabile per capirlo è Google Analytics. Guarda quali sono quelle reti sociali che generano più traffico verso la tua pagina web e avrai la risposta.

 

Non c’è interazione

Se non c’è interazione allora qualcosa non sta funzionando.

Stai utilizzando il tono giusto per rivolgerti al tuo pubblico? Sei sicuro che i tuoi contenuti apportino realmente valore? Hai verificato che i contenuti che condividi sulle reti non siano eccessivamente autocelebrativi provocando in questo modo l’effetto contrario a quello che desideri?

Pensa a come il tuo prodotto o servizio può essere d’aiuto per i tuoi clienti e al contesto all’interno del quale opera il tuo brand. Questo è quello che gli utenti/consumatori/cienti cercano. E se gli offri le risposte giuste allora non solo le gradiranno ma le condivideranno e le commenteranno.

 

 

I video rivoluzionano il mondo digitale

vídeo

Non ci sono dubbi, vediamo con sempre più frequenza video su tutti i tipi di piattaforme che visitiamo o sulle quali siamo presenti. E ogni volta con maggior frequenza appaiono video su tutti i nostri dispositivi. E, di fatto, siamo sempre più propensi a riprendere e condividere video. Tutto questo ci porta a una sola conclusione: i contenuti audiovisuali saranno la base sulla quale si forgerà la prossima rivoluzione nell’ambito digitale. Una rivoluzione che è davvero molto vicina.

Il nostro telefono cellulare o smartphone è lo strumento ideale per realizzare questa rivoluzione, una rivoluzione che ci interesserà molto di più non appena vedremo come funziona. Questo è un fatto. La domanda è: le imprese sono preparate per affrontare le nuove necessità dei clienti e dei consumatori digitali?

Quando parlo di nuovi consumatori digitali parlo di due tipologie di utenti e/o consumatori…

Da un lato abbiamo quelli che si trovano nei millenial e la generazione y. Sono quelli che hanno conosciuto l’analogico ma si sono adattati perfettamente al digitale, hanno un’età compresa fra i 20 e i 35 anni, multitasking e con una punta di egocentrismo. Dall’altro lato abbiamo la generazione z, fra i 15 e i 20 anni, che non solo consuma contenuti audiovisuali ma che inoltre li genera attraverso video, blog, etc.

Le caratteristiche dei nuovi consumatori digitali non sono qualcosa da ignorare, infatti si avverte una chiara e rotonda necessità da parte delle imprese di rispondere alla domanda di questi utenti.

Un buona conferma di ciò è il fatto che ogni anno cresce in maniera esponenziale il consumo dei contenuti audiovisuali. E, nonostante la televisione continui a essere la regina di questo tipo di contenuti, negli ultimi tre anni si è registrato un aumento di contenuti visualizzati in streaming rispetto a una riduzione dei contenuti fruiti dalla TV tradizionale. Questo accade perché le nuove generazioni si spingono oltre e mostrano un chiaro interesse e una maggiore attenzione per i contenuti senza curarsi troppo delle dimensioni dello schermo.

Aldilà del fatto che il mondo digitale è un mondo adatto e alla portata di tutti, saranno da una parte i video e dall’altra i giovani, con lo smartphone come strumento, i motori di questo cambiamento e rivoluzione a livello digitale.

Sei pronto?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il miglior investimento che puoi fare? Sicuramente nel caffé!

invertir en café

Se stai pensando di investire, avviare una tua propria attività o se già ce l’hai e ti stai chiedendo qual’è il miglior investimento che puoi fare, allora sarò chiaro: caffé, investi nel caffé!

E non mi sto riferendo al fatto che vi dedichiate a raccogliere o vendere caffè. Mi riferisco a un caffé in compagnia.

Credo che non siamo realmente coscienti dell’importanza e della rilevanza dell’atto di prendere un caffé con qualcuno…

Non importa di cosa si occupa la tua attività, è fondamentale costruire una rete di contatti intorno a te affinché ti permettano di crescere.

Poter contare su una rete di contatti professionali con i quali condividere esperienze, collaborare e apprendere uno dall’altro faciliterà questa crescita, ti insegnerà e ti aprirà molte porte. Di fatto è il modo più efficace di creare sinergie con altri professionisti che condividono la tua stessa attività o ne hanno una complementaria alla tua. E uno degli aspetti più importanti e utili sono le opportunità di lavoro che si creano con un semplice caffè proprio grazie alla connessione che si genera…

Però più che di contatti mi piacerebbe parlare di relazioni. Perchè il fatto è che non si tratta di conoscere quanta più gente possibile, questi sono contatti. Si tratta di coltivare relazioni.

Le reti sociali oggi ci permettono di rimanere in contatto quasi con qualsiasi persona e anche di trovare quelle affini a noi. Reti come

LinkedIn sono realmente efficaci al momento di incontrare professionisti attinenti con la tua attività con i quali poter collaborare o stabilire relazioni professionali o di lavoro.

O forse si fa la conoscenza di qualcuno che a sua volta conosce qualcun altro che ha le caratteristiche giuste per collaborare con te.

Parlo per esperienza personale…Da un semplice caffè, molte volte, è nato un progetto, un’idea, una collaborazione…e a volte tutto questo si accompagna anche ad una buona amicizia.

Non si tratta di intrattenersi e conoscere persone con le quali raggiungere accordi o collaborare sin dal primo incontro, questo è molto difficile. Come dicevo prima, bisogna seminare e poi raccogliere…A volte nascono accordi molto rapidamente, altre meno, però si tratta, soprattutto, di stabilire relazioni a lungo termine.

Se non sai da dove cominciare, ti do alcuni consigli su come ottenere un primo contatto:

  • Cerca profili e informazioni sui professionisti che ti interessano.
  • Stabilisci i tuoi obiettivi. Cosa cerchi? Finanziamenti, clienti, progetti…questo ti aiuterà a chiudere prima il cerchio.
  • Prepara una presentazione a voce di 30 secondi. Una cosa che mi sembra fondamentale per un professionista è che sappia definire brevemente e con chiarezza quello a cui si dedica. E soprattutto che chiunque lo possa capire.
  • Non dimenticare i biglietti da visita quando vai a prendere il caffè.
  • Mantieni un’attitudine positiva e, soprattutto, onesta.

Adesso non ti resta che mettere in pratica questi consigli!