Come progettare una strategia di marketing efficace

plan estratégico

Per quanto riguarda le strategie e i modi per raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo quando avviamo la nostra impresa, sono tante le cose che ci può capitare di vedere e leggere, soprattutto su internet. Tuttavia, aldilà di tanta informazione, o più precisamente per un eccesso di informazione, a molti non è chiaro come sfruttare al meglio le proprie risorse, il tempo, le possibilità e realizzare così gli obiettivi personali e della propria impresa.

Attuare con tecniche e metodi apparentemente pratici, efficaci e interessanti non è una cosa semplice…A volte perché potrai avere a che fare con azioni concrete che non sai come inserire nel tuo piano; altre volte perché semplicemente non ti prendi il giusto tempo per apprendere e mettere in pratica molta teoria. La conseguenza diretta di tutto questo è l’implementazione di strategie o azioni che neanche sai se saranno efficaci o meno.

Se è questo il tuo caso non disperarti!, ci siamo passati tutti…

Il segreto non sta nel mettere in pratica azioni isolate, ma nel progettare un piano strategico che ti permetta di avanzare in maniera realista verso gli obiettivi; che ti permetta di rilevare quello che funziona e quello che invece no, per poter così migliorare o sostituire azioni a favore dello sviluppo del nostro progetto.

Non è facile ma nessuno ha mai detto che lo fosse; e alla parola impossibile avanzano le prime due lettere. Così che vediamo come possiamo procedere in questo senso…

Primo passo: definire molto bene l’obiettivo

Se non sappiamo quello che vogliamo, difficilmente potremo agire in maniera tale da ottenerlo.

Se il tuo obiettivo è aumentare la tua lista delle sottoscrizioni non dovrai impiegare lo stesso tempo, le stesse risorse, le stesse strategie o lo stesso presupposto nel caso in cui il tuo obiettivo fosse invece quello di generare visibilità per la tua impresa e/o servizi o prodotti.

Definisci molto bene l’obiettivo principale. Senza di esso, procedere con una linea coerente e allo stesso tempo efficace, non è possibile. Inoltre, gli obiettivi devono avere alcune caratteristiche di cui ho già parlato in precedenza: devono essere concreti, realisti e misurabili.

 Scegli la/le strategia/e per realizzare l’obiettivo

Una volta che abbiamo ben chiaro quello che vogliamo, conviene fare una lista delle possibili azioni che ci permettono di avvicinarci a esso.

A seconda del tuo obiettivo, puoi ricorrere a un’infinità di strategie: marketing di contenuti, video, pubblicità, concorsi, sorteggi, email marketing, etc.

In funzione del tuo obiettivo avrai modo di scegliere strategie che a priori sono più convenienti di altre…Non è necessario implementare tutto, solo quello che ti reca un beneficio tale da metterti difronte ai tuoi obiettivi e, soprattutto, che ti permetta di dominare molto bene le tue azioni.

Non si tratta solo di definire un obiettivo e pianificare alcune strategie per raggiungerlo, bisognerà tener presente anche le risorse di cui si dispone e fare in modo che si adattino al piano che si sta sviluppando. Avere del tempo libero da poter dedicare ad alcune attività del progetto non è la stessa cosa che non avere a disposizione questo tempo. Così come non è la stessa cosa disporre di risorse da destinare alla pubblicità, che non disporne affatto, per fare un esempio.

Piano di azione

Con un obiettivo chiaro e una strategia definita, quello che manca è solo passare all’azione. E qui le cose si complicano…perché sopraggiunge l’incertezza, le paure, le procrastinazioni e, se non sappiamo gestire il tutto, anche la demotivazione.

Qui è dove bisogna lavorare duro, non soltanto per mettere in pratica la tua strategia, ma anche per vincere tutte le paure che paralizzano.

Un modo efficace per andare avanti col nostro progetto è realizzare liste di attività o azioni quotidiane, settimanali, etc. Vi assicuro che man mano che si realizzano piccoli progressi, risultati, che avvicinano agli obiettivi, allora sarà più facile continuare perché aumenterà anche la motivazione.

 

Video: la chiave per aumentare la visibilità su Facebook

facebook vídeos

Se hai una pagina professionale o una Fan Page su Facebook, ti sarai accorto da tempo che la visibilità delle tue pubblicazioni diminuisce e continua a diminuire in modo molto rapido. Se fino a poco tempo fa raggiungevamo il 20% dei nostri fan grazie ai post, questa percentuale Facebook l’ha ridotta e oggi, se abbiamo fortuna, arriviamo a un 4%.

La domanda principale è quindi: come possiamo aumentare la visibilità della nostra Fan Page?

Menzionare tutte quelle azioni che ci aiuterebbero a raggiungere questo obiettivo mi costringerebbe a creare un post interminabile, così che andiamo per gradi e oggi, parleremo di uno strumento, forse uno dei più efficaci: i video.

Cosa rende i video più attrattivi rispetto ad altri contenuti?

E’ già un po’ di tempo che Facebook ha deciso di dare maggior importanza ai video. Prima non si potevano neanche caricare direttamente sul social network, mentre in poco tempo, questo non solo è possibile ma il social di Zuckerberg ce lo rende sempre più semplice farlo.

Per esempio, da un po’ di tempo ci vengono offerte anche alcune statistiche che ci permettono di conoscere alcuni dati come quante persone hanno visto il video e per quanto tempo.

E’ evidente che si tratta di un contenuto facile da fruire, attrattivo, etc. Però la chiave che fa in modo  che i video si convertino in un contenuto che aumenta notevolmente la visibilità su Facebook è il movimento.

Avete notato che Facebook da un po’ di tempo riproduce i video sulla timeline anche se l’utente non ha deciso di vederlo? Questo non è gratuito, quando gli utenti entrano su Facebook, fra centinaia di pubblicazioni, cominciano a muoversi attraverso il timeline e, improvvisamente, qualcosa si muove e inevitabilmente cattura la loro attenzione, ottiene di distrarli da tutte le foto, frasi e link.

Anche se non ha il suono, questo tipo di pubblicazione riesce ad aumentare la visibilità e raggiunge molta gente.

Che Facebook conceda questo potere ai video non è casuale. Il social network per eccellenza vuole sorpassare

YouTube e convertirsi nella piattaforma principale in cui si vedono i video, posizione occupata attualmente appunto da YouTube. E per questo motivo stanno convergendo molti sforzi e denaro per migliorare questo aspetto.

Se gestisci la tua Fan Page e hai visto che man mano la tua visibilità è andata riducendosi, ti raccomando di mettere in pratica  una strategia basata sui video…E di raccontarmi i tuoi risultati

L’impatto del contenuto nell’immagine del brand

content

Il contenuto è una parte molto importante di qualsiasi strategia di marketing digitale. Lungi dall’essere solo un’altra delle tante tendenze, è fondamentale per ottenere risultati concreti e che si possano facilmente misurare, come ad esempio ottenere sottoscrizioni o generare leads di qualità.

I contenuti contribuiscono anche a generare maggior fiducia e a rafforzare l’impegno dei consumatori nei confronti del brand.

 Il contenuto riguarda anche la stessa immagine del brand. Una buona strategia di contenuto che apporta valore e qualità, contribuisce anche a migliorare l’immagine del brand e, con questo, aiuta a fortificare la fiducia degli utenti e dei consumatori e, allo stesso tempo, ha un impatto sulle intenzioni di acquisto.

 E’ esattamente nella qualità e nel valore aggiunto del contenuto generato dal brand che si trova la chiava e quello che fa la differenza.

 In questo momento gran parte delle strategie concentrano molti sforzi nel catturare adesioni. Ma esiste una grande differenza fra gli utenti che semplicemente ricevono le news e quelli che le ricevono e sono davvero coinvolti nel contenuto e nel brand.

Questi ultimi saranno più disposti a leggere, a sapere di più e a condividere questi contenuti.

 Detto in modo semplice non si tratta di creare contenuti perché è doveroso farlo. Si tratta di generare questi contenuti in una forma originale, genuina, creativa e che apporti vero valore agli utenti, clienti e potenziali clienti. Solo in questo modo riusciremo a ottenere il massimo da una strategia di contenuti. Si tratta di fare dei contenuti uno strumento che permette di ottenere il coinvolgimento degli utenti con il brand e che li avvicini ad esso.

Cura il tono di voce (del tuo brand)

tono de voz de la marca

Quello che dici, le parole che usi e il modo in cui lo dici sono tutti aspetti che definiscono la tua attività. Questo è quello che si conosce come “tono di voce” di un brand e, al giorno d’oggi, è uno dei fattori più importanti per il brand stesso.

La concorrenza è molto grande, praticamente in qualsiasi settore. Le imprese dicono, parlano e persino gridano tutte contemporaneamente il motivo per il quale sono venute a vendere.  Ma non è detto che colui che più grida è colui che ottiene più attenzione. Gli utenti e i clienti sono sempre più esigenti…Se desideri che ti ascoltino, il segreto non sta nel gridare più forte ma nel parlare in maniera diversa.

 

Il tono di voce non si costruisce solo con le parole, si definisce anche con i dettagli, le espressioni utilizzate per il brand, i termini, la lunghezza delle frasi di lancio, lo storytelling, il ritmo di scrittura…Ed è qualcosa che include tutta la comunicazione del brand o dell’attività, non solo nei media sociali o nei contenuti sul web o del blog, anche negli annunci e nelle pubblicità, in ogni email, etc.

 

La vera chiave sta nel trovare il proprio tono di voce. Però come trovarlo? La mia opinione è che devi cercare nei tuoi valori e nella tua forma di pensare, è lì che incontrerai le radici della tua voce.

Può accadere spesso e direi che è persino normale che affiorino dubbi al momento di metterci di fronte al computer e lanciare un messaggio. A volte ricorriamo a una formalità che qualcuno ci ha fatto credere fosse necessaria per trasmettere un messaggio credibile, ma in realtà non siamo in quel modo; altre volte invece usiamo un tono eccessivamente allegro perché crediamo sia più confidenziale, ma neanche questo potrebbe corrispondere alla nostra personalità e valori (e a quelli della nostra impresa)…allora difficilmente funzionerà.

 

Non c’è niente di male a dare all’immagine del tuo brand serietà o simpatia, sempre che queste caratteristiche formino parte della sua natura. Non c’è niente di male neanche nel sarcasmo, nell’ironia, se è quello che realmente forma parte della tua natura….e sempre a patto che tu lo trasforma in un arma di comunicazione.

 

Molte volte la difficoltà non si trova nel trovare il tono di voce se non nell’avere il coraggio di utilizzarlo…

Nessun altro parla come te, puoi sfruttare la forza delle parole per trasformarle in uno strumento che ti aiuti a differenziarti dagli altri, farti riconoscere e connetterti con i tuoi clienti.

 

All’inizio non è facile, fare una lista potrebbe esserti utile a definire se rivolgerti ai tuoi utenti e clienti dando loro del “tu” o utilizzando il “lei”; se adottare un tono serio e formale o se ti si addice un tono più confidenziale, per esempio; se il tuo tono sarà più incline alla razionalità o alle emozioni.

Scegliere il tono di voce del tuo brand, avere un tono personale, non è niente di banale o senza importanza, da questo anzi dipende la tua credibilità, la fiducia che trasmetti, ti permette di fare la differenza fra te e i tuoi competitori e allo stesso tempo connettere con il tuo pubblico.